Scarichi nella rete irrigua e di bonifica: nuove norme della Regione Veneto

palazzo-ferro-fini-img_1932

Il Consiglio Regionale ha recentemente approvato i progetti di legge inerenti la Finanziaria 2017.

Nella norma sono presenti anche delle modifiche alla Legge Regionale 12/09 “Nuove norme per la bonifica e la tutela del territorio”, di interesse per gli utenti consortili.

La Regione del Veneto ha, infatti, abrogato l’articolo 37, commi 2 e 3, 3bis e 3ter. Quindi, fermi restando gli obblighi, i divieti e le limitazioni previsti dal decreto legislativo n. 152 del 2006, gli scarichi nella rete irrigua o di bonifica, compresi gli eventuali sfioratori fognari di piena e quelli relativi alle acque termali, comportano in capo al soggetto che li effettua anche se non associato al consorzio l’obbligo di contribuire alle spese consortili in proporzione al beneficio conseguito, tenuto conto delle caratteristiche dello scarico stesso, dei quantitativi sversanti nonché delle caratteristiche del corpo ricettore.

Il minimo di contribuenza, al di sotto del quale è ritenuto antieconomico emettere avvisi di pagamento, è pari ad euro 10,33 ed il Consorzio, pertanto, per i contribuenti che abbiano canoni annui inferiori a tale soglia, emette un avviso di pagamento solo quando la somma di questi canoni supera tale soglia.

Per questo motivo, alcuni utenti consortili possono ricevere l’avviso di pagamento ogni due, tre o quattro anni a seconda dell’ammontare annuo del canone di loro competenza. Si ricorda che il tributo consortile rimane in carico al proprietario e viene a essere tolto solo in caso di compravendita, passando perciò di competenza del nuovo proprietario.

Con l’occasione si segnala anche che, per agevolare e semplificare le procedure, dallo scorso luglio visitando il nuovo sito dell’Esattore consortile SORIT Spa all’indirizzo web www.sorit.it e cliccando su “ACCEDI ALLA TUA POSIZIONE è possibile verificare in autonomia la propria posizione debitoria.

Dopo essersi registrati ed aver ottenuto la password, si potranno effettuare pagamenti, richiedere domiciliazioni bancarie e/o postali, nonché richiedere piani di rientro mediante rateizzazione del canone.

Condividi con: