Piogge nella Bassa Veronese: la situazione è sotto controllo ma si temono nuovi acquazzoni

IMG_5458

I violenti acquazzoni degli scorsi giorni, che hanno rischiato di mettere in ginocchio alcune zone comprese tra Roverchiaretta, Roverchiara, San Pietro di Morubio, Isola Rizza e Cerea con precipitazioni attorno ai cento millimetri in poche ore, sembrano dare tra ieri e oggi una tregua.

La situazione idraulica appare ora sotto controllo – spiega il Direttore del Consorzio di Bonifica Veronese Roberto Bin -. Il personale del Consorzio di Bonifica Veronese sta lavorando letteralmente notte e giorno per monitorare le condizioni idrauliche del territorio e mantenere gli scoli in massima efficienza. Le idrovore, che negli scorsi giorni sono state installate nei punti più critici della piena, sono rimaste sui mezzi operativi pronte per essere usate in caso si verificassero nuove precipitazioni particolarmente intense.

Per venire alla situazione attuale, in questo momento si registra una piena in zona Gazzo Veronese sul Tartaro Tione, tenuta però sotto controllo.

Per aiutare il deflusso delle acque un’idrovora è stata poi tenuta in funzione per tutta la giornata di ieri e per tutta la notte sul corso d’acqua Cavo Nuovo in località Facciabella del Comune di Casaleone.

Preoccupano le condizioni del Canal Bianco, che non è più in grado di ricevere ulteriore acqua in quanto è stato destinatario di tutte le piene dei canali della zona che si sono riempiti in questi giorni di eccezionali precipitazioni.

In caso di ulteriori piogge una delle zone sulle quali maggiormente si accentra l’attenzione del personale e dei tecnici del Consorzio di Bonifica Veronese, dislocati sul territorio, è l’area compresa tra Castagnaro, Villa Bartolomea, Legnago e Cerea.

Condividi con: