Nuovo impianto irriguo della Valpolicella: il Consorzio trascrive l’ultimo decreto di costituzione di servitù

img_4922

Il Consorzio di Bonifica Veronese trascrive in questi giorni l’ottavo e ultimo Decreto delegato di costituzione di una servitù di acquedotto irriguo sulle 469 particelle interessate dai “Lavori per la conversione e l’estensione irrigua nei Comuni della Valpolicella”.

Il nuovo impianto irriguo in pressione, che sostituisce le vecchie canalette in cemento risalenti al dopoguerra, si sviluppa nelle campagne tra Domegliara e Negarine nella zona del Valpolicella Doc ed ha un forte impatto anche economico sul territorio in quanto va servire ben 600 ettari di vigneti della Valpolicella.

Le proprietà coinvolte dal decreto sono duecento e a favore di esse nelle scorse settimane erano stati disposti 255 bonifici delle quote di indennità di servitù per un importo complessivo di quasi 115 mila euro.

Sono in corso di spedizione a ciascun comproprietario di una copia dei suddetti Decreti per la parte che lo riguarda. L’invio avviene tramite l’Ufficio Notifiche del Tribunale, come richiesto dalla legge: l’ufficiale giudiziario riceve dal Consorzio due copie identiche della comunicazione e ne mette una in una busta per Raccomandata Atti Giudiziari, riconoscibile per il suo colore verde, che affida al servizio postale per il recapito a ciascun comproprietario.

Le copie per i primi quattro Decreti sono già state inviate. Le spedizioni – su richiesta dell’Ufficio Notifiche del Tribunale – sono suddivise in gruppi di quindici, per cui le ultime copie arriveranno a destinazione fra circa due mesi, intorno alla metà di gennaio 2017.

Condividi con: