Palafitte, un viaggio nel passato per alimentare il futuro. Partecipa anche il Consorzio di Bonifica

palafitte

La Soprintendenza Archeologia del Veneto, in collaborazione con le Associazioni Culturali Genio Italiano e Adige Nostro, propone una mostra temporanea dedicata al tema dell’alimentazione nell’età del Bronzo: “Palafitte. Un viaggio nel passato per alimentare il futuro”. I siti palafitticoli dell’Arco alpino offrono, infatti, una visione unica della vita nei primi villaggi agricoli e per la loro eccezionalità sono stati iscritti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.

Anche il Consorzio di Bonifica Veronese è fra i sostenitori dell’esposizione, ed è presente con il proprio logo nei pannelli e nella guida che accompagna la mostra, in virtù dell’aiuto che la Soprintendenza ebbe dal Consorzio durante lo scavo archeologico al laghetto del Frassino nel 2014.

La mostra vuole raccontare, attraverso le testimonianze materiali dei quattro siti palafitticoli veneti, parte dei siti UNESCO, gli aspetti salienti del grande tema dell’alimentazione, dalle conoscenze agropastorali alle produzioni degli ingredienti, dalla preparazione dei cibi alla loro conservazione, con particolare attenzione anche ai prodotti secondari. L’esposizione tematica intende propone un percorso che illustri, grazie ai dati scientifici provenienti dalle più aggiornate ricerche paleobotaniche e archeozoologiche e all’osservazione diretta dei reperti esposti, gli aspetti salienti sul tema “alimentazione” di un fondamentale momento della nostra storia: il mondo palafitticolo. “Seminare, raccogliere, allevare, conservare, trasformare, mangiare, bere…” sono solo alcune delle parole chiave che caratterizzano il percorso espositivo, volto anche a diffondere la conoscenza di un particolare aspetto di un periodo storico, l’età del Bronzo, in cui la struttura abitativa veniva realizzata su impalcati lignei, in ambienti umidi.

Il progetto si prefigge un duplice obiettivo: fornire al pubblico informazioni sul tema dell’alimentazione antica, partendo dall’origine di alcuni cibi che sono ancora oggi alla base della nostra nutrizione, alle loro implicazioni nell’economia e nell’organizzazione delle società antiche e aggiornare, alla luce delle nuove scoperte, le conoscenze che si hanno sui villaggi palafitticoli del Veneto, le loro strutture, le capacità ingegneristiche, il rapporto con il territorio.

La possibilità di realizzare una mostra su questo tema è un’occasione per esporre reperti solitamente conservati nei depositi della Soprintendenza, del Museo Civico di Storia Naturale di Verona, del Museo Archeologico Nazionale Atestino e dei Musei locali. Si tratta dunque di un’iniziativa di valorizzazione del patrimonio archeologico e sostenuta da un’idonea azione didattica. Pannelli con testi originali e immagini aprono finestre di approfondimento immediate e di facile lettura per ogni pubblico.

Condividi con: