Costermano del Garda: il Consorzio di Bonifica Veronese interviene per la sicurezza idraulica dell’area di via dei Vigneti e via Pertica.

La Giunta Regionale del Veneto ha attivato da tempo un procedimento per il finanziamento di una serie di Accordi di Programma con i Consorzi di Bonifica ed i Comuni del Veneto con popolazione inferiore ai 20mila abitanti. Scopo di questi Accordi è quello di far realizzare ai Consorzi di Bonifica degli interventi manutentori di carattere straordinario sulla “maglia idraulica territoriale”, cioè quei corsi d’acqua che scorrono su fondi privati ma che, per le dimensioni del bacino ed estensione dell’alveo, possono essere considerati di pubblico interesse. E chi quindi necessitano di interventi e di monitoraggio adeguati.

Il Consorzio di Bonifica Veronese, l’ente che fornisce irrigazione e che lavora per la sicurezza idraulica in settanta Comuni della provincia scaligera, ha già eseguito interventi con questa modalità nei Comuni di Bussolengo, Negrar, Cerea, Ronco all’Adige, Salizzole, Peschiera del Garda, Sona e Angiari. Ora un nuovo progetto è stato finanziato nel Comune di Costermano sul Garda.

“Le opere previste, e progettate in accordo con l’Ufficio Tecnico del Comune di Costermano sul Garda – spiega il Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Veronese Ing. Roberto Bin -, sono finalizzate essenzialmente ad assicurare la sicurezza idraulica dell’area, e, quindi, a collettare le acque meteoriche, che ad oggi, in caso di eventi piovosi ruscellano libere invadendo in maniera pericolosa il sedime stradale di via dei Vigneti e di via Pertica, e a convogliarle invece verso il torrente Tasso”.

L’intervento prevede che il tratto a monte, da Cà del Bosco lungo via dei Vigneti, venga realizzato con una tubazione avente una lunghezza di circa un chilometro, con diametri crescenti per rispondere al meglio alle esigenze di scolo dell’area.

“La tubazione che viene posata – prosegue il Direttore del Consorzio di Bonifica – è in polipropilene corrugato, un materiale plastico molto utilizzato in interventi di questa tipo per la sua resistenza all’abrasione e per la sua leggerezza in fase di cantiere”.

Inoltre, per evitare che il materiale trasportato dagli eventi piovosi crei situazioni di impedimento al regolare deflusso delle acque, verrà mantenuto un adeguato spazio di decantazione per dare modo all’acqua di depositare il materiale solido e per facilitare le successive operazioni di pulizia.

Gli interventi, che sono iniziati a fine gennaio e termineranno entro la fine del mese di marzo, hanno un costo complessivo di 66mila euro, dei quali 50mila a carico della Regione del Veneto e 16mila a carico del Comune di Costermano sul Garda.

CONDIVIDI SU: