Il Consorzio di Bonifica Veronese investe 13 milioni di euro per le manutenzioni, in previsione dell’apertura della nuova stagione irrigua

I primi mesi dell’anno hanno portato il Consorzio di Bonifica Veronese, l’ente che fornisce l’acqua di irrigazione a settanta Comuni della provincia scaligera, ad una decisa intensificazione dei lavori di manutenzione sugli impianti, sulle reti di distribuzione e sulle centrali irrigue, in previsione della nuova stagione irrigua che tra pochi giorni vedrà la riapertura dell’irrigazione per le centinaia di aziende agricole del territorio. Augurandoci una stagione estiva meno drammaticamente siccitosa della scorsa.

“Nelle ultime settimane – spiega il Presidente del Consorzio di Bonifica Veronese Antonio Tomezzoli – sono stati moltissimi gli interventi effettuati dei tecnici e dai mezzi del Consorzio di Bonifica, su tutto il territorio. Scopo degli interventi è sempre quello di riportare tutto il sistema di distribuzione dell’acqua ad uso irriguo alla massima efficienza, per rispondere alle crescenti esigenze del territorio, prestando sempre la massima attenzione ai temi della sicurezza idraulica e della tutela ambientale. Un lavoro di grande impegno per la struttura consortile, anche da punto di vista economico se si considera che lo scorso anno solo per le manutenzioni abbiamo investito ben 13 milioni di euro, e la stessa cifra verrà investita anche quest’anno”.

Solo per elencare alcuni dei numerosi interventi effettuati, in località Tormine del Comune di Mozzecane si è provveduto ad intubare un canale in terra con la posa di tubazioni in cemento armato del diametro di sessanta centimetri. Analoga operazione è stata effettuata a Valeggio sul Mincio, anche qui con l’intubamento di un canale in terra per una lunghezza di 180 metri con la posa di tubi in cemento armato, e in località Lazzaretto del Comune di Verona, con l’intubamento di un canale in terra di 150 metri. Restando in Comune di Valeggio sul Mincio, è stato ripristinato lo scarico nel fiume Mincio del canale terziario 51 in località Cauciola e in Via Mamaor sono stati ripristinati due attraversamenti stradali del canale terziario 47 b, in quanto risultavano intasati e versavano in pessime condizioni strutturali. Inoltre, sempre nel Comune di Valeggio sul Mincio, in località Turrione sono stati posati 158 metri di tubazione: anche in questo caso l’intervento si è reso necessario per sostituire una condotta esistente in pessime condizioni.

In località Alpo di Villafranca il Consorzio ha sostituito delle condotte interrate ormai ammalorate con tubazioni in cemento armato del diametro di settanta centimetri, per una lunghezza di 75 metri. A Povegliano Veronese gli uomini del Consorzio hanno demolito una canaletta prefabbricata per una lunghezza di 170 metri 170, sostituendola con una tubazione interrata. Interventi analoghi sono stati effettuati a Cadidavid, in via Stazione Verona, e in via Cascina Verde a Villafranca. In località Gallinelle della frazione di Quaderni del Comune di Villafranca una condotta che corre in superficie e che risultava danneggiata in più punti è stato sostituita con una tubazione in cemento armato per una lunghezza di 216 metri.

Per finalità di sicurezza idraulica e della circolazione, i tecnici del Consorzio sono inoltre intervenuti con un camion con gru a cestello allungabile per il taglio di alcune piante morte e pericolanti cresciute nell’alveo del fiume Tione dei Monti, nei pressi dell’agriturismo Antico Ristoro a Custoza.

Spostandoci verso nord ovest, anche la zona di Sommacampagna è stata interessata da numerosi interventi di manutenzione. I tecnici del Consorzio di Bonifica Veronese hanno, ad esempio, ultimato il rifacimento delle sponde del Canale Principale tra le località Rosolotti e la Pietà. In località Calcaie del Comune di Bussolengo è stata da poco ultimata la sostituzione con tubi armati interrati di 420 metri lineari del canale terziario 21 in quel tratto a cielo aperto e in pessime condizioni. Il lavoro è risultato particolarmente difficoltoso perché eseguito nel rispetto delle colture adiacenti all’area di lavoro. Sempre nel Comune di Bussolengo si è provveduto alla pulizia dell’alveo e al ripristino degli argini dello scolo demaniale Santi Girelli, nel tratto tra le località Gabanel e San Salvar strada del Cristo. Restando a Bussolengo, il Consorzio di Bonifica, in accordo con il Comune stesso, ha realizzato in località San Salvar su un terreno di proprietà del Consorzio un parcheggio pubblico per i visitatori e fedeli che fanno visita all’antica chiesa che dà il nome alla località.

In località Arbizzano del Comune di Negrar è stata da poco ultimata la sostituzione con tubi armati interrati di 220 metri lineari del canale terziario G in quel tratto a cielo aperto e in pessime condizioni, lavoro oltremodo difficoltoso in quanto il canale era frapposto a filari di vigne.

A Caprino, per garantire l’irrigazione a pioggia ad una parte dell’ex Bacino “Acque Investite”, sono stati posati dal Consorzio circa 800 metri di tubazioni in PVC Ø 160 mm, collegate all’impianto della stazione di pompaggio di Costermano.

Nel Comune di Lazise, tra le frazioni di Colà e Palù dei Mori, il Consorzio ha effettuato la pulizia e il consolidamento degli argini e dell’alveo del fosso demaniale denominato Dugale della Palù, a seguito delle numerose frane avvenute negli anni scorsi.

CONDIVIDI SU: